Honor V30, il primo smartphone Honor con 5G è prossimo al debutto

Honor V30 è il primo smartphone Honor a supportare le reti internet di quinta generazione. Debutterà a Pechino tra poche settimane, nel corso di un evento dedicato

1167
honor v30 5G

Il 5G è un affare che interessa a tutti, Honor compresa. Seguendo le orme di Huawei, che con Mate 30 5G ha venduto centomila unità in pochi secondi, anche Honor è pronta a rilasciare il suo primo smartphone 5G.

Stiamo parlando di Honor V30 5G, un device con caratteristiche da top di gamma che verrà presentato il prossimo 26 Novembre a Pechino, come annunciato dal CEO George Zhao.

Honor V30, tutte le indiscrezioni

Honor V30 gode ancora di un certo anonimato, e quanto si sa sul suo conto è estremamente essenziale. La conferma al supporto per le reti 5G fa ipotizzare che sotto la socca dello smartphone trovi posto il Kirin 990 5G, lo stesso processore di Huawei Mate 30 5G.

Con il Kirin 990 l’asticella si alza e Honor V30 ambisce al titolo di flagship senza se e senza ma. Ad accompagnare questa CPU potrebbero esserci 8 GB di RAM e almeno 128 GB per l’archiviazione.

honor v30 5G evento
Honor V30 5G verrà presentato ufficialmente il prossimo 26 Novembre a Pechino

Poco si può dire, invece, sul display. Dalle foto rilasciate da Honor è evidente si tratti di un pannello borderless senza notch, interrotto solo da un “buco” che ospita le due fotocamere frontali (soluzione già vista sugli ultimi Galaxy S di Samsung).

Il design sembra piuttosto essenziale con il display che non curva ma si mantiene piatto. Il bilanciere del volume torna ad essere fisico (le critiche a Mate 30 hanno fatto la loro parte).

Purtroppo mancano foto del retro del dispositivo, che avrebbero potuto dare indicazioni sulla configurazione delle fotocamere posteriori. Molto probabilmente troverà posto una quad-camera con un sensore principale da 48 Megapixel: non è da escludere possa essere lo stesso visto su Honor 20 Pro.

Tutti i misteri saranno svelati nel giro di due settimane. Resterà da vedere, infine, se lo smartphone arriverà anche in Europa (quasi certamente) e se con e quali modifiche.