Miglior MacBook per studenti 2020: quale acquistare

MacBook per studenti, come trovare il miglior portatile Apple per l'università, potente, maneggevole e con una buona autonomia

895

Molti studenti cercano un computer portatile che possa offrire buone prestazioni senza occupare troppo spazio. Quando si passano tante ore fuori casa due sono le caratteristiche che contano più di ogni altra cosa: il peso e l’autonomia. Il miglior MacBook per studenti riesce a soddisfarle entrambe.

Se c’è una cosa in cui i MacBook eccellono è la trasportabilità: pesano poco e entrano facilmente in borsa. Con la nuova generazione di portatili Apple anche l’autonomia è migliorata notevolmente: se poi aggiungiamo che si può godere di uno sconto studenti per MacBook, i motivi per acquistarne uno diventano ancora più numerosi.

MacBook per studenti: quale scegliere

Per uno studente il prezzo è certamente una discriminante quando deve acquistare un nuovo computer. Le soluzioni top di gamma sono infatti quasi sempre non alla portata di chi sta ancora completando gli studi.

Fortunatamente il colosso di Cupertino offre anche soluzioni più economiche, con un prezzo pari o di poco superiore a quello della media degli ultrabook di altri marchi. Chi è iscritto all’università può inoltre sfruttare lo sconto studenti Apple, che rende l’acquisto ancora più vantaggioso.

macbook per studenti

In alternativa si può optare anche per una soluzione tra i MacBook usati o ricondizionati: in genere si tratta di prodotti di qualche anno fa, ma ancora perfettamente in grado di offrire un’ottima esperienza utente e dal rapporto qualità/prezzo molto elevato.

Il catalogo Apple include al momento tre tipi di MacBook: 12 pollici, Air e Pro. Le differenze sono più o meno marcate, ma non esiste un MacBook in assoluto migliore di un altro: tutto dipende dalle singole esigenze.

Macbook Air o Pro: qual è il miglior MacBook per studenti?

Uno studente che si affaccia per la prima volta al mondo MacBook può avere qualche dubbio su quale prodotto acquistare, se un MacBook Pro o Air. Il dubbio è legittimo: i due prodotto si assomigliano tanto (la differenza tra le due serie si è ridotta notevolmente rispetto al passato).

Già guardando al prezzo si nota la prima differenza: i MacBook Pro costano di più, e possono essere necessari anche più di 2000 euro per alcune configurazioni più avanzate. I MacBook Air dal canto loro costano e pesano di meno.

Perché allora acquistare un MacBook Pro? Semplice, quando servono alte prestazioni. I MacBook Pro possono infatti contare su processori con molti core e alte frequenze, schede video dedicate AMD Radeon Pro e tanta memoria, sia RAM che per l’archiviazione.

Nati per chi usa il portatile per lavoro, sono una scelta interessante anche per quegli studenti che frequentano facoltà in cui è necessario l’uso di software con elevate richieste hardware. CAD, simulazioni, programmazione, ma anche editing audio e video.

Il MacBook Air ha comunque ottime prestazioni, ma manca della potenza bruta necessaria in certe applicazioni. All’università, comunque, non sono molte le situazioni in cui si rende necessario un MacBook Pro: chi acquista un Air può dormire sonni tranquilli.

Miglior MacBook per studenti: il più leggero

Apple MacBook 12

MacBook per studenti

Esami, corsi, aule, metro, pullman: la vita di uno studente è frenetica e fatta di spostamenti continui. Diventa indispensabile avere con sé un notebook leggero e facilmente trasportabile: l’identikit del MacBook da 12 pollici.

Apple in questo caso, dal punto di vista del peso e delle dimensioni, si è letteralmente superata. Pesa solo 920 grammi: meno di un chilo per quello che è un ultrabook senza se e senza ma.

La sua dotazione hardware, sebbene leggermente inferiore a quella dei MacBook più grandi, include un processore Intel Core (M3, i5 o i7 in base alla configurazione) supportato da 8 GB di memoria RAM e da un SSD da 256 o 512 GB.

Nell’uso di tutti i giorni si rivela un computer estremamente reattivo, bello e silenzioso, con consumi minimi: riesce ad offrire ben 10 ore di autonomia in navigazione wireless.

Il tutto godendo dalle bellissime immagini riprodotte dal display IPS Retina da 12 pollici con risoluzione 2304×1440 pixel. Si contano sulle dita gli ultrabook che possono anche solo provare a competere con un display di questo tipo.

La porta USB Type-C permette tanto di ricaricare il computer quanto di collegare periferiche esterne e trasferire file a 5 Gbps (velocità di punta): lo trovi in vendita su Amazon.

Miglior MacBook per studenti: il più scelto

Apple MacBook Air 13 pollici

MacBook per studenti

Molti studenti cercano qualcosa in più in quanto a prestazioni: ecco che entra in gioco il MacBook Air da 13 pollici. Le dimensioni aumentano lievemente, così come il peso che sale a 1,25 Kg: inutile dire che resta un ultrabook da portarsi facilmente dietro.

Anche in questo caso spicca un display IPS Retina, ma la diagonale sale a 13,3 pollici e con essa anche la risoluzione, che tocca quota 2560×1600 pixel. Il display integra la tecnologia TrueTone per ottenere sempre le immagini migliori: un sensore di luminosità regola infatti i livelli di bianco in base alla luce ambientale.

Il computer riesce a spingere di più in quanto a prestazioni grazie a un Intel Core i5 di ottava generazione, un quad-core che pur consumando poco (anche questo MacBook garantisce 10 ore di autonomia) si comporta bene anche in produttività. Integra una scheda grafica UHD 617, che gestisce egregiamente i contenuti in alta risoluzione e permette anche di lavorare senza troppe limitazioni.

Si può scegliere tra 8 e 16 GB di RAM, e tra 128 e 256 GB di SSD: è disponibile su Amazon.

Miglior MacBook per studenti: il più potente

Apple MacBook Pro 13

MacBook per studenti

Per avere prestazioni ancora più elevate senza rinunciare alla trasportabilità Apple propone il nuovo MacBook Pro da 13 pollici, compromesso perfetto tra ultrabook compatto e workstation portatile.

L’unica grande assente rispetto ai modelli più grandi è una scheda video dedicata, rimpiazzata però egregiamente dalla dedicata Iris Plus Graphics 645. Un’integrata con i muscoli, che insieme al processore Intel i5 quad-core di ottava generazione si destreggia bene in ogni situazione.

Del resto si tratta di un MacBook Pro, e anche questo modello è pensato per lavorare: forse manca un po’ di potenza bruta, ma è una macchina performante e affidabile. Con 8 GB di RAM e un SSD da 256 GB è utilizzabile per qualsiasi scopo, senza scendere troppo a compromessi.

E’ un Pro, e quindi troviamo Touch Bar e Touch ID; è di nuova generazione, e non manca quindi un nuovo display IPS Retina da 13,3 pollici e risoluzione 2560×1600 pixel. Due le porte Thunderbolt 3, 10 ore di autonomia: è disponibile su Amazon.

Apple MacBook Pro 15

MacBook per studenti

Lo studente che cerca il massimo delle prestazioni deve scegliere il MacBook Pro da 15 pollici. Costa tanto, è vero, ma con lo sconto Apple Education diventa un vero e proprio affare. Perchè questo e non il modello da 16 pollici?

Domanda più che legittima: in effetti il MacBook da 16 pollici può offrire configurazioni ancora più avanzate. In quel caso però le dimensioni diventano impegnative, e anche il peso che tocca quota 2 Kg.

Il modello da 15 pollici invece si ferma a circa 1,8 Kg: può sembrare una differenza da poco, da 200 grammi si fanno ugualmente sentire quando lo si tiene in spalla per molto tempo. Inoltre costa meno e le performance sono comunque sufficienti per qualsiasi utilizzo.

Troviamo un processore Intel i7 esa-core di ottava generazione, perfetto anche per lavorare, con abbinata una scheda grafica dedicata AMD Radeon Pro con 4 GB di VRAM DDR5. Straordinariamente, nonostante le alte prestazioni, questo MacBook continua ad offrire 10 ore di autonomia.

Un record, visto che molti ultrabook di fascia alta si fermano spesso a 3-4 ore. Merito di una sapiente gestione dei consumi, che sfrutta anche una grafica integrata HD630 per minimizzare la quantità di energia richiesta mentre non si lavora.

Ottimo il lato memorie, con 16/32 GB di RAM e 256/512 GB per l’archiviazione in forma di SSD. Con 4 porte Thunderbolt 3 lo trovi in vendita su Amazon.

Miglior MacBook per studenti: i più economici

Apple MacBook Air 13 MJVE2LL 

MacBook per studenti

Lo studente che voglia spendere il minimo possibile è portarsi a casa un MacBook comunque ancora valido può scegliere l’Apple MacBook Air MJVE2LL del 2015. Non il più economico in assoluto (si trovano addirittura MacBook da poche centinaia di euro), ma il più sensato per chi ha un budget ridotto.

Partiamo dalle prestazioni: il processore i5 5250U con grafica HD6000 e 4 GB di RAM DDR3 fornisce ancora la potenza necessaria ad usare il computer quotidianamente. MacOS e la sua ottimizzazione fanno poi miracoli, offrendo un’esperienza utente in linea con soluzioni sulla carta ben più potenti. Peccato per l’SSD da 128 GB, veloce ma poco capiente.

Tra i MacBook proposti è quello con il display meno convincente: un TFT da 13,3 pollici a 1440×900 pixel. Attenzione, non che sia terribile o inutilizzabile: semplicemente non regge il confronto con le soluzioni attuali di Apple, con una differenza visibile anche ai meno attenti.

Apprezzabile però il peso, pari a 1,35 Kg: per essere un ultrabook di qualche anno fa è piuttosto leggero, quasi quanto un nuovo MacBook Air. Puoi acquistarlo su Amazon.

Apple MacBook Pro Retina 13 MGX72LL/A

MacBook per studenti

Forse la soluzione più interessante tra i MacBook di vecchia generazione è l’Apple MacBook Pro Retina 13 MGX72LL/A. Perchè? Per una serie di motivi che ora vedremo.

Molti setacciano il mercato dell’usato in cerca di un computer di fascia alta con qualche anno sulle spalle. Il motivo è semplice: le workstation portatili invecchiano molto bene, e non basta qualche anno per metterle fuori gioco.

Questo MacBook ne è la prova: al suo interno trova posto un i5 Broadwell, l’i5 4278U. Un dual-core abbastanza datato, ma che nasconde una grinta ancora invidiabile. Basti pensare che offre performance simili a soluzioni più recenti e presenti su ultrabook ancora in vendita (basti pensare al noto i5 6200U).

Affiancato da 8 GB di RAM DDR3 è perfetto anche nel multitasking, e a discapito della non giovanissima età consuma anche poco. L’archiviazione è affidata invece ad un SSD da 128 GB: pochi al debutto, pochi anche oggi.

Per fortuna abbiamo un altro grande pro: il display. Trattandosi di un MacBook Pro monta un pannello da 13,3 pollici Retina con risoluzione 2560×1600 pixel. Un display ancora oggi invidiabile e superato solo da quello dei MacBook di nuova generazione.

Quanto a connettività può contare su due Thunderbolt 2 e due USB 3.0: lo trovi in vendita su Amazon.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

MacBook quale comprare

Miglior MacBook

Recensione Apple MacBook Pro 16

Cover MacBook